Sabato 27 Marzo 2010 abbiamo avuto il piacere di ospitare il Dott. Sabatini, pediatra di famiglia a Sesto Fiorentino.

E’ stato un incontro molto piacevole con affluenza di tante mamme a vari stadi di “esperienza genitoriale” (da donne incinta a quelle con uno o più figli) e soprattutto tanti babbi, della cui presenza siamo state molto felici!
Il dottore ha affrontato diversi argomenti riguardanti lo sviluppo psicosomatico del bambino e a grandi linee cerchiamo di riportarvi quanto è stato detto:

  • Per la crescita dei vostri figli non è importante solo cosa o quanto mangiano (andatelo a dire ai nonni!), ma anche e soprattutto le attività che fanno e l’educazione che gli date: da una parte nutrite il corpo, dall’altra nutrite la mente.
  • E’ importantissimo LEGGERE ai bambini fin dal primo anno di vita delle favole, filastrocche, novelle, i libri che preferite in genere, perchè la lettura arricchisce enormemente il linguaggio e la capacità di interazione con le altre persone. Cercate di ritagliarvi uno spazio ogni giorno, anche solo di 20 minuti, per leggere qualcosa insieme. I bambini si appassionano facilmente al piacere della lettura…
  • Dedicate ai vostri figli tutte le attenzioni possibili in termini di qualità e non di quantità di tempo che potete offrire loro. Apprezzeranno di più una partita di pallone insieme di 10 minuti, piuttosto che seguirvi in giro per ore a fare compere!
  • Ogni rapporto interpersonale esige RISPETTO: non fatevi mai svilire nel vostro ruolo genitoriale. Nel momento in cui un bambino vi mette i piedi in capo significa che avete perso autorevolezza come genitore, insegnante, guida, ecc… Per far sì che questo non accada, non dovete mai sminuire neanche le capacità del bambino: una frase come “Non capisci nulla!” o “Lascia stare, tanto non ci riesci!“, dette a volte con leggerezza,  non fanno altro che abbassare l’autostima di vostro figlio e mettere voi nella condizione di essere “attaccabile” perchè gli avete mancato di rispetto.
    Questo vale ovviamente in ogni fase della sua crescita, dall’infanzia all’adolescenza ed oltre … e anzi sarebbe un buon comportamento da tenere sempre nei confronti di qualsiasi interlocutore! 🙂
  • La nascita di un figlio è un momento di cambiamento per la mamma e per il babbo, per il rapporto di coppia e per i legami in famiglia in genere. Per evitare che questo passaggio sia destabilizzante, cercate di trarre il meglio dalla nuova esperienza: non guardate al bambino come ad un ostacolo che vi impedisce di fare quello che facevate prima della sua venuta, ma apprezzate le nuove attività che lui vi porta necessariamente a fare (andare ai giardini, cambiare meta/tipologia delle vostre vacanze, ecc…) e le nuove amicizie che si creeranno con i genitori dei figli coetanei dei vostri.
  • Si è poi affrontato brevemente il tema delle vaccinazioni:
    – importanza di quelle di base nel debellare a livello mondiale malattie che facevano milioni di morti (polio, tetano, difterite);
    – differenza fra quelle che si fanno ai bambini nei primi anni di vita e quelle cosiddette “influenzali” che ricorrono ogni anno d’autunno;
    – poche controindicazioni (se non nulle) nelle vaccinazioni dei primi anni.

Siccome gli argomenti affrontati sono stati tanti, invito le mamme che erano presenti a lasciare il loro commento qui di seguito con quello che più è rimasto loro impresso. Sarà un’integrazione preziosa e un modo per accendere un bel dibattito … grazie a tutte per la vostra partecipazione!