Io dono …

Io dono …

Pubblicato il 05 settembre 2009, da in Allattamento

Ci scrive Tamara: “Sto svezzando mia figlia e visto che mangia ho sempre tanto latte. Volevo sapere se è possibile donarlo a chi ne ha bisogno”.

Ecco, questo è un aspetto dell’allattamento che si riscontra poche volte. Non è un “problema” nel senso stretto del termine, anzi direi che è una ricchezza avere tanto latte e desiderare di dornarlo.

Ma come fare?

Ci sono associazioni e organizzazioni preposte e preparate, in primis l’Ospedale pediatrico Meyer che ha organizzato una Banca del latte Materno.

Sul loro sito si legge:
“Per Banca del latte Materno si intende un punto di raccolta del latte donato da madri diverse e distribuito gratuitamente, dopo opportuno trattamento, ai piccoli pazienti che ne hanno bisogno.
Le donatrici sono mamme in buona salute che producono latte in eccesso rispetto alle esigenze dei propri figli e che scelgono volontariamente di destinarne una quota ad altri bambini che ne hanno bisogno.Chi sceglie di donare una quota del proprio latte, con sensibilità e responsabilità, accetta sempre di buon grado di sottoporsi ad un semplice ma necessario controllo.
Le banche del latte umano, correlate funzionalmente a reparti pediatrici, raccolgono trattano, conservano e distribuiscono, su indicazione medica, il latte delle donatrici.
Il latte umano donato è destinato principalmente a quei bambini che non sono nutriti dalla propria madre e che, a causa di particolari condizioni cliniche, presentano una ridotta tolleranza per altri tipi di alimento.”

La B.L.U. del Meyer è una delle maggiori strutture del genere esistenti nel nostro Paese ed è stata la prima in Italia (dall’8 marzo del 1971) ad effettuare la raccolta del latte a domicilio delle donatrici.

Teniamo presenti, però, un paio di cosette: i primi tempi che il bimbo salta una poppata il latte avanza e ti senti scoppiare il seno. Ma giorno dopo giorno, se il tuo corpo sa che quella poppata non “serve” più, produrrà meno latte in quel momento della giornata, si auto-regolerà sulla quantità necessaria richiesta al momento della poppata.

Ma tirandosi il latte, il seno viene “ingannato” e stimolato a continuare a produrre una quantità che in realtà è eccessiva.

L’importante è – però – non stare male, cioè evitare un ingorgo mammario. Se il seno è eccessivamente gonfio, caldo e dolorante, farsi una doccia o un bagno caldo e lasciare che il latte sgorghi sotto l’acqua è un buon metodo per lasciarlo fuoriuscire, senza tirarselo.

Un’altra soluzione possibile è rivolgersi ai consultori: potrebbero conoscere una mamma che si trova in difficoltà per carenza di latte, la quale sarebbe ben felice di accettarne da altre mamme, piuttosto che far uso di latte artificiale.

Tags: , , , , , , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.