La montata lattea

La montata lattea

Pubblicato il 21 agosto 2009, da in Allattamento

Il latte non arriva subito dopo la nascita del bambino.
La montata lattea si verifica in genere tra il secondo e il quarto giorno dopo il parto.
Ma niente panico: in quel lasso di tempo tuo figlio non rimarrà senza mangiare!

Attaccato al seno subito dopo la nascita il bebé svilupperà il riflesso di suzione e si sarà nutrito con il colostro.
Questo primo «latte», è un liquido denso ricchissimo di sostanze nutritive, come proteine, lipidi, vitamine ed anticorpi, e viene prodotto fino a quando avviene la montata lattea. Il colostro fornisce al neonato tutti gli elementi di cui ha bisogno, e favorisce inoltre l’espulsione del meconio, cioè le prime feci.

E’ inutile dare il biberon con latte artificiale o acqua, come complemento!

Con la montata lattea il seno diventa duro, pesante, sensibile. Questa sensazione è dovuta all’afflusso di sangue e linfa nei tessuti mammari.
Attaccare il bambino al seno più spesso possibile quando si sente che queste sensazioni diventano più forti è il modo migliore per avviare un buon allattamento.
Non ascoltare i consigli di chi ti dice di ridurre il numero e la durata delle poppate: un neonato allattato si regola da solo!
Da questo principio dipende il comfort della mamma e del bambino: poppate frequenti = minor rischio di ingorgo e avvio armonioso della lattazione.

Evita di usare i paracapezzoli, che proteggono i capezzoli durante la poppata, ma impediscono al bambino di succhiare correttamente.
Trova una buona posizione di attacco per il bambino. Una posizione d’allattamento corretta assicura una poppata facile e piacevole sia per la madre che per il neonato… Non esitare a chiedere aiuto alle infermiere.

La lattazione è un fenomeno naturale e affascinante, e consiste nella produzione e secrezione di latte dopo il parto.
La produzione di latte è sempre attiva, ed è stimolata quando il bambino è attaccato al seno.
Avviene grazie all’azione di due ormoni, prodotti dall’ipofisi: la prolattina, che determina la «fabbricazione» del latte, e l’ossitocina, che interviene al momento della poppata e scatena la fuoriuscita del latte.
Quindi il latte è sempre a disposizione. Anche se hai l’impressione che i tuoi seni siano vuoti, quando il bambino inizia a succhiare, la produzione di latte si mette in moto.

Non devi avere nessun dubbio sulla tua capacità di allattare.
La grandezza del seno non ha niente a che fare con questa capacità: grande o piccolo che sia, qualsiasi seno puo’ nutrire un neonato.

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.