Esperienze di allattamento…davvero ad ogni costo?

Esperienze di allattamento…davvero ad ogni costo?

Pubblicato il 11 aprile 2012, da in Allattamento

Carissime mamme, vorrei proporre questo articolo come spunto di riflessione: una testimonianza forte di una mamma che ha vissuto due esperienze di allattamento non proprio semplici e che ci racconta l’importanza dell’equilibrio del tutto personale di ciascun rapporto madre figlio.
Sicuramente allattare il proprio figlio al seno è una delle esperienze più coinvolgenti e ormai quasi tutti conoscono i benefici, fisici e relazionali, del latte materno. Ma è davvero giusto che le madri si sentano gravate da questo dovere e che alla fine si sentano sconfitte se non riescono nell’impresa?

Ringrazio Manuela per aver dato voce alle difficoltà che si possono affrontare durante il percorso di allattamento e per aver evidenziato quanto sia fondamentale avere il giusto supporto al momento opportuno.

E voi, avete voglia di raccontare le vostre esperienze?

Tags: , , , ,

4 Commenti a “Esperienze di allattamento…davvero ad ogni costo?”

  1. Erika

    24 aprile 2012

    Francesca, bellissimo questo punto di vista!
    Le mamme che non hanno allattato non possono sentirsi in colpa per tutta la vita, qualsiasi sia il motivo o la scelta a monte.
    Ogni mamma è la migliore per il proprio bambino, basta questo per sentirsi a posto con la coscienza!

  2. isabella

    28 maggio 2012

    Salve,sono contenta di leggere queste poche righe che mi hanno fatto tenerezza,e mi hanno ricordato il disagio che ho vissuto io e tutta la mia famiglia con l’allattamento del mio primo figlio..Ho partorito Gabriele con taglio cesario a termine periodo e dopo tante ore di travaglio,già quello mi aveva fatto scattare qualcosa di strano dentro di me come un fallimento,l’allattamento poi è stato un disatro tra ragadi,mastite e candida ai capezzoli in un mese le ho provate tutte,sono passata al latte artificiale visto che il mio piccolo non cresceva.Tutta questa esperianza mi ha fatto cadere in una brutta depressione facendomi sentire un’incapace,ho superato tutto con l’aiuto di mio marito e del mio piccolo che cresceva sereno e finalmente sazio!!Adesso sono passati 4 anni e sono in dolce attesa,spero di allattare questa volta e reduce da quella brutta esperienza,mi rivolgerò sicuramente all’associazione e se anche questa volta volta non riuscirò,pazienza non è da quello che mi misurerà mio figlio ma per tutti gli altri gesti ed attenzioni che avrò nei suoi confronti per tutta la vita!!Un abbraccio a tutte

  3. Monica

    09 giugno 2012

    Verissimo! Bisogna cercare in ogni modo di essere serene, tranquille. Che si scelga di allattare o meno. Ogni bimbo ha bisogno della mamma, non solo del suo latte.
    Mi sento di aggiungere un però.
    Se scegliamo di allattare e troviamo delle difficoltà dobbiamo, possiamo, chiedere aiuto.
    Non allattamento a tutti i costi, non arrendersi alle prime difficoltà.
    Cercare di trovare la soluzione migliore. Che si scelga di allattare o meno.

  4. elisa

    22 agosto 2012

    sono una figlia, ormai adulta e a sua volta madre, che non è stata allattata (perchè prematura e sottopeso)) alla cui madre dicevano che non mi sarei affezionata davvero a lei come i bimbi che prendono il latte dal seno materno…posso invece testimoniare che sono sempre stata legatissima a mia madre e che il nostro rapporto è sempre stato bellissimo.
    Io ho allattato mia figlia e posso dire che è una delle esperienze più belle che si possano vivere nelle vita, ma non trovo giusto che una donna, che per svariati motivi non allatta, si debba sentire in colpa..l’amore di una mamma passa anche attraverso altri momenti con il proprio bimbo e io ho avuto una mamma ottima anche se non h preso il suo latte.

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.